DISINTEGRATION


ovvero il mondo dal mio (inutile) punto di vista

about

Non posso dirti chi sono, ma se pensi di averlo capito sei proprio intelligente.

Results may vary.

  • Blogroll


  • Archive

  • dicembre 2011
  • ottobre 2011
  • settembre 2011
  • agosto 2011
  • luglio 2011
  • giugno 2011
  • maggio 2011


  • Categories

  • Citazioni (6)
  • Comunicazioni di servizio (2)
  • Egomania (1)
  • Emosmielaggini (3)
  • Gli altri (1)
  • Inutili considerazioni (2)
  • Musica (3)
  • Per perdere tempo (1)
  • Random (2)
  • Sogni (1)
  • Sventure (1)
  • Vergognose niubbate (1)
  • Volevo scrivere un post serio (3)


  • Credits

    Powered by Wordpress.
    Grazie ad Ale per l'host ♥ :)


    Trasferimento! :O

    22 dicembre 2011 @ 10:53 am

    Mi sono trasferita quasi in via definitiva qui:
    http://lineagialla.livejournal.com
    Potete continuare a leggermi lì, se ne avete voglia! :)



    Conclusioni raggiunte dopo una settimana di influenza

    31 ottobre 2011 @ 1:37 am

    * la mia parte diligente, quando emerge, anziché giovare alla mia carriera fa sempre danno
    * devo cominciare a farmi pagare per ogni spot/corto/wtf in cui sono comparsa
    * questo è l’ultimo anno che passo qui, omg
    * i politici italiani non sono in grado di esprimersi
    * sono ufficialmente in fissa per Battlestar Galactica
    * uno dei miei insegnanti è un cylone, altrimenti non si spiegherebbe la sua volontà di fare lezione nonostante il ponte
    * sono diventata too hipster, so hipster da rischiare di diventare too mainstream
    * l’influenza può farti piangere tutte le lacrime che non riesci a piangere altrimenti
    * non bisogna abbandonare i robi che stai scrivendo, perché a riprenderli dopo 4 mesi non ricordi più niente
    * da quando ho smesso di credere nel destino e di trovare un signficato ad ogni cosa che mi accade sto meglio
    * queste influenze non sono più quelle di una volta
    * il nuovo album dei Coldplay è proprio carino
    * ma Princess China ci scascia troppo
    * sono riuscita a ri-nerdizzarmi con consistente successo nel corso dell’ultimo anno
    * sono così badoodipendente che i badooiani mi fanno compagnia anche di notte nei miei sogni (erotici e non)/incubi
    * [cosa che dovrei dire e che rimando di punto in punto, e che alla fine non scriverò perché rimane inesprimibile]



    Non consumare

    17 ottobre 2011 @ 11:30 am

    fbb

    «E non si spezzano le cose che non ho costruito.
    Non si cancellano le cose che non ho disegnato.
    E non si spengono le cose cui non ho dato fuoco.»*
    Due volte niente, Dente

    Vivo proprio così. Non costruisco, non disegno, non do fuoco. Non consumo. Mi fermo sempre al pre-azione. Non agisco perché ho paura della fine. Perché non costruendo, non disegnando e non dando fuoco niente si spezzerà, niente si cancellerà, niente si spegnerà mai. Lascio le agende non iniziate, i quaderni vuoti, perché mi piace continuare a immaginare come sarà quando comincerò a scriverci sopra – ma, inevitabilmente, rimangono sempre agende vuote e quaderni con i fogli tutti bianchi. Non consumati. Preferisco non dare inizio ai rapporti – di qualunque genere siano – e pensare a come saranno, per paura di consumarli, conservandoli intatti nella mia immaginazione.
    Conservando la possibilità che le cose si realizzino – non consumandole – mi illudo di poter conservare le cose stesse.
    Sì, sono una campionessa d’ignavia: non scelgo e non agisco. Ma il mio rifiuto di scegliere è paura di rivelare me stessa, il mio rifiuto di agire paura di essere consumata, di consumarmi, e di consumare. Preferisco conservare me stessa, gli altri, le cose, le relazioni; quando iniziamo a scrivere un quaderno, quando iniziamo a leggere un libro, quando diciamo piacere di conoscerti ad una persona, diamo inizio a qualcosa – e iniziare qualcosa significa che arriverà la fine, prima o poi. Più che per incapacità, non agisco per questo mio vile gusto di museificazione.
    Ma vivere non è forse consumare?
    Ho vissuto, finora, consumando solo l’indispensabile. Ho vissuto poco. O niente.
    Morirò rinchiusa e soffocata nel mio museo di persone e cose non-consumate. Rimpiangerò, forse, di non poter contemplare la terra bruciata e la distruzione intorno a me – destino più piacevole, perché la nostalgia del consumare avrebbe in sé felicità, gioia, caldi ricordi.
    (* Anche se Dente pensava a tutt’altro mentre scriveva queste parole, le ho egoisticamente interpretate a modo mio in base ai miei bisogni – come si fa con tutte le parole scritte da altri, del resto.)



    There, in the sunshine

    13 ottobre 2011 @ 11:28 pm

    Mi chiedo come sarebbe stato se ci fossimo conosciuti in un modo diverso. Se incontrarsi, guardarsi negli occhi, anche solo parlare sarebbe stata la stessa cosa. Forse non avrei pensato le stesse cose di te. Forse non ti avrei parlato mai allo stesso modo, non avrei sentito quel bisogno di essere me stessa, la sicurezza di poter essere me stessa con te. Probabilmente non avresti avuto la stessa importanza e saresti scivolato via, in mezzo a tutti gli altri, fra le comparse. Adesso penso che vorrei avere più tempo e che mi dispiace che tu te ne vada; ma come posso pensare di sapere come dovrebbero andare le cose?
    È solo che avrei voluto più momenti con te da ricordare, credo. Tutto qui.
    In ogni caso non ha importanza.
    Queste parole finiranno sul fondo, ad accumularsi insieme a tutte le altre non dette.



    Riemersioni (?)

    13 ottobre 2011 @ 8:37 am

    Questo blog diventa sempre più foreveralone. Il punto è che prima lo usavo per aggiornare i miei amici più velocemente, ma ormai i blog sono inutili per questo scopo. Continuo comunque a scriverci per  me stessa (?). In ogni caso, sono sparita perché le precedenti sono state settimane molto stressantiiiii blaaaa blaaaaa *piccio* sono staaahaaaaanca! (nessuno coglierà questa coltissima citazione – a parte una persona). Però le cose vanno così bene che sono guarita dalla nostalgia random ♥.
    Ho passato le ultime settimane a studiare dirty talking medievale, metrica italiana e vocalismi. Sono successe un paio di cose che mi hanno fatto passare alcune notti insonni; questo mi ha portata ad un’overdose di caffeina (dovevo assolutamente svegliarmi presto e studiare di giorno, mantenendo un’autonomia massima fino a sera) per cui le notti insonni si sono prolungate più del dovuto. Alla fine ne è valsa la pena. Cioè, ammiro un sacco il professore in questione e temevo il suo giudizio u_u però è andata benissimo, nonostante abbia dovuto seguire anche un laboratorio proprio negli ultimi giorni pre-esame, e ho dovuto un po’ stravolgere il mio metodo di studio per farcela :D. L’unico momento inquietante è stato rischiare che notasse il cuoricino accanto alla citazione di cui al post precedente, mentre sfogliava i miei libri :D!
    Poi. C’è una cosa che potrei già dire, ma finché non ne sono sicura al 100% non la dirò per scaramanzia u_u.
    Infine, sono ricominciate le lezioni. Oggi saprò se effettivamente ho tutte le materie da seguire al primo semestre ♥! Il che da una parte mi rattrista, perché significa che questo è il mio ultimo semestre, mi mancheranno le mie amiche ;_; e tutto il resto. Dall’altro, ovviamente, è molto meglio così :D vuol dire che avrò più tempo per studiare. Non sono secchiona, no; è solo un’impressione!
    Stavo controllando le bozze. Ho un sacco di post non postati °_°. Tipo un post su badoo, e un altro su Deus Ex: Human Revolution. Mi chiedo se li posterò mai.
    Ok, il post potrebbe degenerare perché ho finito gli argomenti inseribili. Meglio chiudere qui :D.